come investire all'estero e restare tranquillo

La paura che blocca le aziende nel 2020

Novembre 2020: sapete qual’è dopo il Covid la principale fonte di rischio e, conseguentemente, di paura per le imprese esportatrici?

Al primo posto c’è il Credito Commerciale.

Lo rivela una Survey realizzata dal’Osservatorio Supply Chain Finance del Politecnico di Milano su 124 imprese produttive e di servizi della domanda e dell’offerta.

Questo timore oggi si lega indissolubilmente a tutte le incognite tradizionali ben note.

Purtroppo in questo preciso momento molte aziende faticano solo per “sopravvivere” e di conseguenza esplorano nuovi mercati, soprattutto quelli esteri, confidando nell’export per cominciare una nuova ripresa.

Tutto questo porta le aziende ad esporsi verso situazioni e clienti che non conoscono, come le legislazioni locali e molto altro ancora, mettendo a rischio la salvaguardia della propria stabilità economica.

In quest’ottica diventa fondamentale l’uso professionale degli strumenti offerti dal Credito Commerciale in quanto una gestione “fai da te”, specie nelle azioni di recupero dei crediti insoluti, può essere uno dei problemi che ostacolano l’auspicata ripresa aziendale.

Le aziende possono far riferimento, in questo caso, ad una Collection ossia ad una di quelle strutture che garantiscono un’assistenza professionale, specializzate nel fornire servizi continuativi ed affidabili di recupero dei crediti con azioni stragiudiziali e giudiziali sia nel mercato nazionale sia in quello internazionale, per tutte le aziende di qualsiasi dimensione.

Breve storia... (Un fatto realmente accaduto con un nome di fantasia per la privacy)

Come il Signor Bianco ha recuperato un credito estero di 94.500,00 Euro

Il Sig. Bianco è titolare di due aziende che si occupano entrambe di vendita, installazione e manutenzione di prodotti di condizionamento e di riscaldamento per aziende.

Dopo anni di gavetta, che ha portato una costante crescita di fatturato nel territorio Italiano, decide di iniziare a proporsi anche nel mercato estero. Grazie alla bontà del prodotto offerto e all’abilità commerciale, tutto procede per il meglio ma…. I primi problemi sono dietro l’angolo!

Alcuni clienti iniziano a chiedere delle proroghe alla scadenza dei pagamenti… Ma, alle scadenze concordate, iniziano a non onorare i propri impegni. Per il Sig. Bianco, che non si avvale dello strumento dell’Assicurazione dei Crediti Commerciali, – ritenuto troppo oneroso in relazione al rapporto costi/benefici – inizia il calvario delle telefonate e delle lettere di sollecito per provare ad incassare i crediti insoluti. L’operato della sua amministrazione non sortisce, però, alcun effetto e, malgrado le promesse avute, i suoi clienti non pagano.

Una perdita di tempo, di denaro e… di ogni speranza di monetizzare i crediti.

Arriva l'uomo giusto nel momento giusto

All’improvviso ecco la svolta! Durante un appuntamento con un mio cliente, fortuitamente mi viene presentato il Sig. Bianco che mi espone il suo problema. Dopo aver analizzato nel dettaglio la situazione lo affido ad una Collection, avendo intuito quanto spinoso poteva essere il credito estero da recuperare considerato ormai perso.

Tralascio tutta la parte operativa ed arrivo alla fine della storia. Ebbene… Tutto il credito è stato recuperato con gli interessi, in un lasso di tempo relativamente breve, con l’esborso di un piccolo quanto insignificante contributo spese.

Ecco perché affidarsi ad un partner

Il recupero del credito insoluto (specie all’estero) è un’attività molto complessa e deve sempre essere affidata ad un partner specializzato del settore che sappia garantire un rapido pagamento del credito senza pregiudicare i rapporti con il cliente.

Parliamo di una struttura organizzata per assolvere al meglio le diverse fasi previste per l’attività di recupero crediti.

L’azione di recupero viene svolta attraverso relazioni professionali. Un dialogo civile è sempre alla base di un recupero che potrebbe divenire efficace già nella fase di azione stragiudiziale.

Ovviamente, quando ogni approccio risulta vano, la strada da seguire, previo accordo tra le parti, è l’azione giudiziale dove i legali specializzati in diritto commerciale del singolo paese analizzeranno ogni peculiare elemento per agire nel migliore dei modi, valutando con particolare attenzione costi e tempi necessari all’azione di recupero.

E Adesso se vuoi contattami pure

Come hai ben capito l’argomento è molto complesso e bisogna affrontarlo con la massima attenzione.

Per avere maggiori informazioni o delucidazioni contattami